PLAY MUSIC STOP VIOLENCEcambia il mondo con la tua musica

Home / News / Ascolta i brani dei vincitori dell'edizione 2015!

Ascolta i brani dei vincitori dell'edizione 2015!

Temi impegnativi e ottima musica nella finale del contest dei giovani talenti che esprimono i sogni e le speranze di cambiamento di una generazione

06/06/2015 | News

Si è conclusa domenica 31 maggio a Roma la 5a edizione italiana del contest Play Music Stop Violence, promosso dai Giovani per la Pace della Comunità di Sant'Egidio, che attraverso la musica vogliono diffondere i valori della pace e della solidarietà.

Nella finalissima al Pala Atlantico undici band, selezionate tra le oltre 40 che si sono iscritte al concorso, hanno gareggiato con brani originali nelle categorie Autori e Young Talents, con una convinzione di fondo che lega tutti: il mondo cambia a partire da me!

Il primo premio nella categoria Autori se lo sono aggiudicato Kizu Sound Feat. Giorgia Nicolammecon il brano Abbiamo Imparato (?). La giovane band, proveniente da Viterbo ha saputo trasmettere attraverso un raggae coinvolgente la voglia di cambiamento e l’esigenza di tornare ad imparare l’arte di amarsi come fratelli.Vincitori nella categoria Young Talents sono invece i Peace Seekers, con il brano “Imperterrita Avanza”. I giovanissimi dell’Istituto Comprensivo Porto Romano di Fiumicino, con una coreografia di ballerini hip hop, hanno espresso nel loro testo la forza della speranza: “L'ultima a morire è sempre la speranza, Pace è luce fioca che imperterrita avanza”.

Consapevolezza e impegno concreto: questo vuole trasmettere PMSV. I giovani talenti hanno infatti saputo trattare in musica temi importanti, spesso trascurati, come la lotta alla pena di morte, nel brano Ultima Alba dei tre rapper pugliesi Dinho Mixa e J-Sklera (vincitori Premio della Critica); la povertà a Roma, come nel brano "Dal Gianicolo Roma é lontana" di Simone Ruggiero (Vincitore Miglior Testo). L’autore afferma “Roma vista dal Gianicolo è bellissima ma è un’immagine falsa perché quando si scende per strada la povertà regna sovrana”.
Anche il pubblico ha fatto la sua parte attribuendo
 il Premio Popolare alla band Nevermind The Fame con il branoPrigioniero in un mondo in gabbia.

La pace, la violenza diffusa sul web, l'ingiustizia, la voglia di essere protagonisti e di incidere nella realtà, questo comunicano i giovani di PMSV, superando i confini geografici e mentali, nella convinzione che la pace é sempre possibile, che non ci si può rassegnare alla logica della violenza, della paura del diverso: lo hanno spiegato bene i giovani della band Force of Dream, gruppo ospite proveniente dall'Ucraina, oggi teatro di una guerra fratricida.

La manifestazione, condotta da Eugenia Scotti, Priscilla Baldini e Andrea Rettagliati, ha visto come ospiti d'eccezione Kaligolae gli STAG, che hanno voluto sostenere l'impegno intrapreso dai giovani musicisti non solo con la musica, ma anche attraverso tante azioni che si compiono ogni giorno nel silenzio ma che cambiano in profondità la vita delle persone, come quella di tanti bambini delle periferie romane che i Giovani x la Pace aiutano a crescere alla Scuola della Pace, a cui è stata dedicata una raccolta di solidarietà per regalare a quanti di loro sono in particolare difficoltà una settimana di vacanza. 
  I primi premi sono stati consegnati sul palco dai vincitori dele edizioni spagnola e belga del contest, insieme ad
Andrea Orchi e Fabio Garzia, appena tornati da una straordinaria performance a The Voice.
Play Music Stop Violence, il mondo cambia musica!